Chiedi al gigante alimentare USA Bunge di non rifornirsi più di canna da zucchero proveniente dalla terra ancestrale dei Guarani del Brasile.
Non visualizzi l'e-mail correttamente? Utilizza il tuo browser.
Survival
Survival     Popoli     Notizie     Passa all’azione      Donazioni 

Scandalo per il gigante alimentare USA.
I Guarani rischiano morte e malattie.

*

Il gigante alimentare americano Bunge si rifornisce di canna da zucchero nella terra ancestrale dei Guarani del Brasile. La compagnia, infatti, compra il raccolto dagli imprenditori agricoli che hanno aperto vaste piantagioni nella terra dove un tempo sorgeva la foresta della tribù. Gli Indiani sono stati sfrattati dalle loro case, e oggi vivono in condizioni terribili.

I Guarani della comunità di Jata Yvary denunciano che l’invasione di piantagioni di canna da zucchero, che alimenta l’industria brasiliana dei biocarburanti, li sta danneggiando seriamente. “Vogliamo preservare la foresta” dicono, “ma altri la stanno distruggendo per fare soldi illegalmente.”

Per favore, scrivi all’amministratore delegato di Bunge Brasile per chiedere che la compagnia smetta immediatamente di comprare la canna da zucchero coltivata nella terra guarani. Basteranno pochi secondi perchè il link sottostante ti porterà a un’e-mail già compilata e pronta per essere spedita. Grazie!

Manda una e-mail all’Amministratore delegato di Bunge Brasile →

Se il link non dovesse funzionare, puoi copiare e incollare il testo qui sotto,
oppure scriverne uno personale: un testo originale sarà ancor più efficace.
Mandalo a: ceobrasil@bunge.com

Egregio Signor Pedro Parente, ho appreso con grande preoccupazione che la Bunge si rifornisce di canna da zucchero coltivata nelle terre ancestrali dei Guarani. Gli Indigeni hanno espresso la loro assoluta opposizione in merito: denunciano che le loro vite sono in pericolo poiché sono tenuti lontani dalla loro terra e vengono esposti a inquinamento, malattie e morte. La decisione della Bunge di procurarsi canna da zucchero dalla terra dei Guarani viola i diritti degli Indiani alla terra, al loro stile di vita e a essere pienamente consultati sui progetti che li coinvolgono. Inoltre, contraddice i valori enunciati sul vostro sito internet. So che non intendete rinnovare i contratti quando giungeranno a scadenza, ma i Guarani non possono più aspettare. È fondamentale che smettiate subito di comprare quella canna da zucchero, o sarà troppo tardi. La ringrazio e saluto cordialmente.


Se hai ricevuto questa e-mail, è perché ti sei iscritto alla nostra newsletter elettronica mensile.

Survival International (Italia), Casella postale 1194, 20101 Milano
T (+39) 02 8900671

www.survival.it