Copy
La mia vita è il mio messaggio. (M. K. Gandhi)
Visualizza questa mail sul web
newsletter del
Centro Studi
Sereno Regis
Torino

riflessioni e approfondimenti

n. 12/2017
venerdì 31 marzo
Share
Tweet
Forward
+1
Share
Pin
Violenza contro le donne: Pace positiva | Johan Galtung

Siamo in presenza di emancipazione femminile, declino della famiglia patriarcale e femminicidio, quest’ultimo secondo l’ONU particolarmente frequente in Guatemala, Mexico e Australia-Canada-Sud Africa-USA. E anche qui in Spagna le donne vengono uccise da (ex-)mariti ed (ex-)amanti: 44 dai “loro” uomini nel 2016, 60 nel 2015, nei primi due mesi del 2017 forse 17. Perché? La coppia è una mini-società; uccidere nel suo ambito equivale a una guerra civile.

leggi tutto
Odio online – uno sguardo sulla situazione | Fabio Poletto

Si definisce hate speech un discorso ostile, calunnioso e basato su pregiudizi, rivolto a persone o gruppi sulla base di una loro caratteristica innata – che sia reale o percepita.

leggi tutto
Creare anticorpi per il pregiudizio: il ruolo della peer education | Eleonora Ceccaldi

Il Centro Studi Sereno Regis ha avviato un progetto dal titolo “Fuori dalla rete dell’odio: ricerca, educazione, media attivismo”, il cui obiettivo è contrastare la normalizzazione dei discorsi d’odio online.

leggi tutto
Un boicottaggio Anti-Nazi | American Jewish Historical Society

Nel gennaio del 1933 Adolf Hitler fu nominato Cancelliere del Reich. Immediatamente, membri del Partito Nazista iniziarono una campagna di violenze contro Ebrei Tedeschi, socialisti, comunisti e altri oppositori.
 

leggi tutto
La politica e l’economia mondiale in questo momento | Johan Galtung

La Guerra Fredda finì con l’accordo che l’URSS avrebbe lasciato l’Europa dell’Est e gli USA non sarebbero entrati in quell’area. Quello che fecero gli USA è tradimento, come Sykes-Picot. La NATO si è allargata da 16 a 28 stati: Bill Clinton ha aggiunto la Polonia, la Repubblica Ceca e l’Ungheria...
 

leggi tutto
Napoli, Città di Pace e di Giustizia | Gianmarco Pisa

Una notizia, piuttosto confortante se consideriamo il quadro generale, relativa all’approvazione, avvenuta nel Consiglio Comunale del 20.03, della delibera con la quale si riconosce alla Città di Napoli, la qualifica di “Città di Pace e di Giustizia”...

leggi tutto
Armageddon atomico | Angelo Baracca, Claudio Giangiacomo, Joachim Lau, Giorgio Nebbia

Domani 27 marzo si apre a New York il negoziato indetto a larga maggioranza dall’Assemblea Generale dell’Onu il 23 dicembre scorso per stabilire un trattato che sancisca l’illegalità delle armi nucleari.

leggi tutto
Comunicazione nonviolenta e telefonino | Cinzia Picchioni

Una volta, quando si partecipava a un’assemblea, quando si andava a una riunione, quando si visitava un amico, si era completamente lì. Se qualcuno ci cercava nel frattempo, lo faceva al numero di telefono fisso di casa (e, non trovandoci, riprovava più tardi, all’ora di cena, esordendo magari con “scusami per l’ora…”).

leggi tutto
Un riconoscimento giuridico per gli alberi? | Elena Camino

Sierra Club v. Morton, 405 U.S. 727 (1972), è un caso discusso dalla Corte Suprema degli Stati Uniti a proposito di un riconoscimento di personalità giuridica. La Corte respinse una causa intentata dall’Associazione Sierra Club, nel 1972...

leggi tutto
Un 24 marzo, diciotto anni fa | Gianmarco Pisa

Ebbero inizio proprio il 24 Marzo, nel 1999, diciotto anni fa, i bombardamenti su Belgrado e sulla Jugoslavia dell’epoca, da parte degli Stati Uniti e della Alleanza Atlantica, la NATO. Fu il primo di 78 giorni di guerra...

 

leggi tutto
Alla cultura della
violenza opponiamo
la cultura della pace
| Leonardo Boff

Il mio sentimento del mondo mi dice che viviamo all’interno di una violenza mondiale sistemica. Troppo lungo enumerare tutti i tipi di violenza, che però è così globalizzata, che il vescovo di Roma, il papa Francesco ha affermato per tre volte, che siamo dentro a una terza guerra mondiale.
 

leggi tutto
Il Comune di Rivalta ha vinto il Premio Natura 2017

Si tratta del riconoscimento, giunto quest’anno alla quinta edizione, che viene assegnato a comuni e imprese virtuosi dal punto di vista ambientale. Per Rivalta è stata una bella sorpresa, come conferma il sindaco Mauro Marinari...

leggi tutto

Novità in biblioteca - Recensioni

SerenoRegisTV

Ucraina. La bellezza salverà il mondo?
martedì 21 marzo, nell’ambito di Festival Slavika | 18 – 25 marzo 2017 | Torino
Gli occhiali di Nanni | Convegno in memoria di Nanni Salio | sabato 4 febbraio 2016

Rassegna stampa

La nonviolenza oggi, tra crisi del pacifismo e legittima difesa
di Mao Valpiana

Lo scorso ottobre il servizio di consulenza linguistica dell'Accademia della Crusca, ha sentenziato che "la lessicografia contemporanea considera la forma univerbata "nonviolenza" come un'unità lessicale: esito che senza dubbio è stato favorito dalla spinta del Movimento Nonviolento, che ha attribuito un nuovo valore alla parola". Insomma, la nonviolenza entra nel vocabolario, scritta tutto attaccato, proprio come voleva Aldo Capitini già negli anni Sessanta del secolo scorso...

Inscenare un attacco terroristico sotto falsa bandiera?
di Noam Chomsky e Jan Frel

E’ il marzo del 2017, e il processo politico e i media negli Stati Uniti sono un caos deprimente in cima a un mucchio sempre crescente di problemi che non vengono minimamente affrontati, ancora meno risolti dalla società: il cambiamento del clima, la crisi globale dei rifugiati e chi più ne ha più ne metta. Donald Trump presenta un nuovo problema oltre a quelli vecchi e abituali; un disastro deleterio su più fronti e la sua presenza alla Casa Bianca che sta danneggiando quotidianamente la psiche nazionale.

leggi tutto>>


Per John Kenedy. Al presidente nero con una “enne”
Operatori X Rete No Borders Genova

In queste settimane molte morti di migranti hanno attraversato il nostro paese, chi cercando di attraversare i confini, chi disperato nel non trovare un futuro migliore ha scelto di togliersi la vita, chi aggredito da un razzismo feroce, chi muore perché vittima di condizioni disumane sul lavoro o nei centri di accoglienza, senza dimenticare i naufragi nel Mediterraneo che continuano ogni giorno. Anche la nostra città è coinvolta fra i tanti episodi. Venerdì 24 Marzo è stato ritrovato il corpo di un giovane, morto in mare.

leggi tutto>>


Ban the Bomb: L’ONU discute di messa al bando delle atomiche
Radio Onda d'Urto intervista Francesco Vignarca

Da oggi, lunedì 27 marzo 2017, all’Onu di New York si inizia a discutere la messa al bando delle armi nucleari, con le negoziazioni verso un “Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari”. I lavori andranno avanti fino a giovedì 31 marzo e poi, ancora, dal 15 giugno al 7 luglio. Il tutto, a vent’anni dall’ultima prea di posizione delle delle Nazioni Unite sul tema.

leggi tutto>>


La follia delle armi nucleari
di Tonio Dallolio

In questi giorni a New York è in corso la “Conferenza delle Nazioni Unite finalizzata a negoziare uno strumento legalmente vincolante per proibire le armi nucleari, che conduca verso la loro totale eliminazione”. Roba da prima pagina a caratteri cubitali nell’agenda dell’umanità.

leggi tutto>>


“I am not your negro”: racconto nero e attuale di un’America razzista
di Serena Chiodo

Un lavoro – un film, un racconto, un’analisi, un quadro, una fotografia – non è mai onnicomprensivo: ha un punto di vista, una prospettiva, un’inquadratura. Il punto di vista a cui ci hanno abituato è uno: maschio, bianco. I am not your negro contesta proprio a questo punto di vista, e lo fa in molti modi diversi. E’ un atto d’accusa, forte, asciutto e diretto. E’ un racconto degli Stati Uniti dal punto di vista dei suoi cittadini neri. Ed è la storia di questi cittadini, che narrano, finalmente, piuttosto che essere narrati.

leggi tutto>>


Perché No Tap né qui né altrove 
di Elena Gerebizza, Re:Common

È fine febbraio, siamo a Baku, capitale dell’Azerbaigian. A un incontro ufficiale il governo italiano viene bacchettato per i notevoli ritardi nella costruzione del gasdotto TAP, il segmento in terra nostrana del Corridoio Sud del Gas. Con la coda tra le gambe, il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda dice subito che da lì a qualche giorno si procederà con l’espianto degli ulivi. Calenda cerca così di mettere una pezza e ridare fiducia alle banche – che ancora devono esprimersi sui prestiti richiesti dal consorzio proponente – e ai partner internazionali, in primis l’esecutivo azero, ma anche alla Commissione europea, con cui Palazzo Chigi sta facendo una “brutta figura”.

leggi tutto>>


Sarajevo, 25 anni dopo
di Cristophe Solioz e Wolfgang Petritsch

Venticinque anni dopo lo scoppio della guerra in Bosnia, è il momento giusto per porre fine al cupo periodo post-bellico. Nonostante alcuni modesti risultati, la generale situazione del paese è deprimente. Niente di nuovo, ma nel frattempo il contesto regionale ed internazionale sono cambiati considerevolmente. Di conseguenza, la situazione in Bosnia richiede una rivalutazione. A livello regionale, lo stato della Croazia come membro dell’UE non ha migliorato la stabilità della Bosnia e tanto meno la sua integrazione.

leggi tutto>>


Inventarsi i nemici
di Vijay Prashad

Il 22 febbraio, Adam Purinton, di Olathe, in Kansas, era all’Austin’s Bar and Grill. Ha visto due uomini, entrambi provenienti dall’India, e ha cominciato a litigare con loro. “Andate fuori dal mio paese,” ha detto Purinton ai due uomini, Srinivas Kuchibhotla, di 32 anni e Alok Madasani, di 32 anni, entrambi impiegati come ingegneri nella compagnia multinazionale Garmin. Purinton ha cominciato a urlare insulti razzisti agli uomini, ha tirato fuori la sua pistola e ha cominciato a sparare. Una persona presente lì, Ian Grillot, si è alzato dal suo nascondiglio per acchiappare l’uomo armato. E’ stato poi colpito al torace e alla mano. Kuchibhotla è morto, mentre Madasani è sopravvissuto anche se ferito. Anche Grillot , che ha avuto la frattura di una vertebra, è sopravvissuto. “Stavo facendo soltanto ciò che chiunque avrebbe fatto per un altro essere umano,” ha detto dal suo letto di ospedale.

leggi tutto>>


Il rapporto. La finanza sostenibile è diventata grande
di Andrea Di Turi

Dire 23 trilioni di dollari, cioè 23mila miliardi di dollari, significa indicare una cifra talmente astronomica che può risultare di difficile comprensione. Più semplice farsi capire, forse, se si parla di un dollaro ogni quattro, con riferimento alle risorse finanziarie gestite in modo professionale. In ogni caso stiamo parlando dell’ammontare di investimenti che oggi vengono effettuati a livello mondiale secondo strategie e criteri di sostenibilità...
Copyright © 2017 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp