Copy
La mia vita è il mio messaggio. (M. K. Gandhi)
Visualizza questa mail sul web
newsletter del
Centro Studi
Sereno Regis
Torino

riflessioni e approfondimenti

n. 08/2017
venerdì 3 marzo
Share
Tweet
Forward
+1
Share
Pin
Pace fra Cina e Giappone | Johan Galtung

Tema base: Nuova visione di pace in Est-Asia – Dialogo di pace Sino-Giapponese. Nanjing22-23 Feb 2017

Come insegna la filosofia buddhista, la pace, come la violenza e il conflitto, è una relazione; non un attributo della Cina o del Giappone. Come insegna la filosofia taoista, in un holon [=insieme, ndt] come l’Est-Asia ci sono forze e controforze, yin/yang, con yin e yang in entrambi [gli opposti], & così via.

leggi tutto
Contingenza, ironia, solidarietà | Massimiliano Fortuna

Ci sono libri, credo valga per molti di coloro che leggono, ai quali torniamo di frequente, le cui idee non smettono di stimolarci e ci sembrano una guida grazie alla quale far maturare il nostro pensiero sulle cose del mondo e sulla loro inesorabile complessità.

leggi tutto
Colpo di sonno nucleare | Manlio Dinucci

Il governo Gentiloni ha capovolto il voto del governo Renzi all’Onu, votando a favore dell’avvio di negoziati per il disarmo nucleare! La sensazionale notizia si è rapidamente diffusa, portando alcuni disarmisti a gioire per il risultato ottenuto. Per avere chiarimenti in proposito, il senatore Manlio Di Stefano (Movimento 5 Stelle) e altri hanno presentato una interrogazione...
 

leggi tutto
Storia: Epoche o Andamenti – La Spagna Medievale | Johan Galtung

La distinzione che fece Fernand Braudel tra eventi, andamenti e stati permanenti è un vero regalo alla storiografia, alla nostra rappresentazione mentale della storia. Questo articolo è in favore degli andamenti piuttosto che delle epoche, ravvisando nelle epoche una certa forma di razzismo statico o un pregiudizio temporale. 
 

leggi tutto
Un premio all’economia equa | Elena Camino

Il “Global Development And Environment Institute (GDAE)” dell’Università di TUFTS (USA) ha deciso di assegnare quest’anno (2017) l’ “Economics Prize” a James Boyce e a Joan Martinez-Alier, per il loro impegno nel promuovere un lavoro innovativo su temi economici, che tiene conto delle realtà contemporanee e incoraggia lo sviluppo di società giuste e sostenibili.

leggi tutto
Fotografia | Opposti non complementari | Recensione di Laura Operti

Una suggestiva mostra fotografica, OPPOSTI, NON COMPLEMENTARI, a cura di Andrea Balzola alla Civica Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo di Torre Pellice, è la terza mostra della sezione EST-ETICAMENTE che coglie temi etici e sociali,e che si è appena chiusa.


 

leggi tutto
Sgombero a Standing Rock | Pressenza New York

In seguito all’ordine esecutivo emanato dal governatore repubblicano del North Dakota Doug Burgum per l’evacuazione dell’Oceti Sakowin Camp a Standing Rock entro il pomeriggio del 22 febbraio, ieri la maggior parte degli attivisti ha lasciato il campo in mezzo a poliziotti in tenuta anti-sommossa.

 

leggi tutto
Nel mondo di Trump dove comanda il denaro, l’Arabia Saudita commette crimini e rimane impunita | Medea Benjamin

Il divieto che il presidente Trump ha imposto ai musulmani non è soltanto meschino e, si spera, incostituzionale, ma è del tutto irrazionale perché non include il paese maggiormente responsabile della diffusione del terrorismo in tutto il mondo: l’Arabia Saudita.

leggi tutto

Novità in biblioteca

SerenoRegisTV

Gli occhiali di Nanni | Convegno in memoria di Nanni Salio | sabato 4 febbraio 2016

Rassegna stampa

Il primo «F-35» all'Aerobase di Ghedi dà la scossa al mondo pacifista

Ha fatto il pieno di condivisioni in rete la notizia della «presentazione» del nuovo aereo

Sinistra Italiana: «Un'altra spesa inutile e dannosa» Don Corazzina: «Come cittadino e come sacerdote la mia valutazione è negativa su politiche di riarmo». Ha dato la «scossa» al mondo pacifista bresciano la notizia, riportata venerdì da Bresciaoggi, della prima presentazione pubblica del cacciabombardiere F-35 sulle piste dell'aerobase di Ghedi. Un «trending topic», come si dice, che in rete ha raggiunto in poche ore visualizzazioni a cinque cifre e centinaia di condivisioni già il primo giorno. E i commenti nei «social», tantissimi per l'effetto moltiplicatore delle condivisioni, sono in larga parte negativi. Perchè gli F-35 sono «aerei da guerra» e perché «costano un sacco di soldi»: i primi esemplari 120 milioni di euro l'uno, ora in discesa verso gli 80 milioni sfruttando le economie di scala.

leggi tutto>>


Mario Vargas Llosa visita la Cisgiordania e scrive del dramma dei territori occupati
di Juan Cruz

L’agenda degli impegni di Mario Vargas Llosa, che ha 80 anni, è stata quasi quella di un inviato di guerra, e lui stesso la presenterà divisa in vari episodi su “El País” attraverso la pubblicazione di vari reportage a partire dal 30 giugno. Inoltre l’esperienza è stata raccolta da “El País TV” in un documentario che sarà trasmesso anche dalla rete del giornale. Infatti l’esperienza è stata molto intensa. Sia la sua che la nostra, che l’abbiamo potuto accompagnare.

leggi tutto>>


La memoria del coraggio e della disobbedienza
di Marco Abram

Non sono molti gli ufficiali militari di alto grado ricordati pubblicamente per aver ignorato gli ordini, rifiutato di colpire i civili e ritirato le proprie truppe. Nemmeno il processo di rielaborazione delle memorie a livello europeo, pur portando a un certa messa in discussione dei nazionalismi e del conflitto armato come soluzione delle controversie sul continente, sembra aver favorito una significativa e diffusa riemersione di questo tipo di testimonianze. La discussione della memoria della Prima guerra mondiale, in particolare in questi anni di commemorazione del centenario, ha registrato un crescente interesse per il fenomeno della diserzione dei soldati di leva dalle trincee.

leggi tutto>>


Viaggio nella guerra dimenticata dello Yemen: ecco come si muore di fame
di
 Laura Silvia Battaglia

Ho sempre fotografato esseri umani vivi. Qualche volta mi è capitato di fotografarli da morti, come un attentatore suicida a Mosul, nella piazza della municipalità, di fronte al ponte al Hurria, crepato da una ventina di giorni, il femore rotto, le gambe ridotte a ossa spolpate, il cranio sfondato e bruciato, nella smorfia di dolore di quell’azione estrema. Ma stavolta è stata più dura. X. è morto davanti alla telecamera. È morto nel mentre. Mentre filmavo e mentre il dottore eseguiva la rianimazione, ma non è riuscito a salvarlo.
Cosa abbiamo imparato a scuola parlando del video delle due rom al Lidl
di Christian Raimo


La settimana scorsa, all’inizio di un’ora di lezione, i miei studenti mi hanno chiesto se avessi visto “il video del supermercato”, cioè quel filmato in cui si vedono due dipendenti del Lidl di Follonica che rinchiudono due donne rom in una specie di gabbiotto dei prodotti rovinati. Dura tre minuti e i dipendenti sghignazzano mentre le due donne urlano di paura.

leggi tutto>>
Il semplice piano in 10 punti per fermare Trump
di Michael Moore

Amici, vi presento “Il semplice piano in 10 punti di Michael Moore per fermare Trump”. Prima di tutto, prendiamo atto di una cosa che tutti noi sappiamo: Trump è nei guai, in guai seri –- i Russi ce l’hanno in tasca, è circondato da idioti della destra alternativa, gira da solo in accappatoio in una Casa Bianca quasi deserta – e intrappolato in un disgustoso “sh*t-sandwich”, come l’ha definito il suo sostenitore che ha rifiutato il ruolo all’Agenzia per la Sicurezza Nazionale (NSA). Siamo solo al primo mese della sua cosiddetta Presidenza – e tuttavia c’è una notizia positiva, poiché lo scenario americano si presenta così...

leggi tutto>>


Discendenti degli schiavi, predecessori della giustizia: i musulmani  americani devono smettere di chiedere scusa
di  Ramzy Baroud

Di recente mi è stato chiesto di parlare su: “Essere un musulmano Americano negli Stati Uniti.” Sebbene sia stanco degli usi e abusi del termine, ho assecondato la richiesta. Ho spiegato che l’Islam è una religione mossa da valori, non dalla razza né, teoricamente, da cieca lealtà tribale. L’identità ‘musulmano americana’ che è stata continuamente oggetto di ricerca sui media americani, nella politica e nella società, è completamente diversa da ciò con cui  i musulmani americani associano loro stessi.

leggi tutto>>

Copyright © 2017 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp