Copy
«Vivere semplicemente per permettere agli altri semplicemente di vivere» (M. K. Gandhi)
Centro Studi Sereno Regis
Follow on Twitter Friend of Facebook
Centro Studi Sereno Regis - Torino


newsletter 2014/22 | domenica 6 luglio 2014



 

Riflessioni


Il mondo in questo preciso momento: rapporto di metà anno
di Johan Galtung
Tempo d’inventario. Lo sparo a Sarajevo di 100 anni fa ispira narrative sul diciannovenne Gavrilo Princip che uccise il successore al trono di un impero e sua moglie incinta come evento scatenante il massiccio massacro reciproco (INYT, FAZ 28-29 giugno 2014). Non sull’impero che si annesse la Bosnia-Herzegovina il 6 ottobre 1908 (Art. 25 del Congresso di Berlino del 1878 fra le “grandi potenze”). Che l’annessione non fosse piaciuta agli abitanti? (continua)


La fine dell’epoca dell’occupazione a basso costo
di Noam Sheizaf
Israele potrebbe presto essere costretta a dire addio alla sua stretta cooperazione con la Autorità Palestinese e la calma relativa che ne deriva. Il ritrovamento dei corpi dei tre ragazzi israeliani, scomparsi da 18 giorni, unita alle chiamate pubbliche alla vendetta che abbiamo sentito in Israele oggi, potrebbe segnare l’inizio di una nuova epoca in West Bank – un’epoca che è notevolmente meno stabile. Potrebbe non essere una terza intifada, ma non sarà neppure la calma relativa o il coordinamento stretto dal punto di vista militare di cui Israele ha potuto beneficiare negli ultimi cinque o sei anni. (continua)


Il suicidio e la sua messa in scena
di Moni Ovadia
I sui­cidi reali di ope­rai, arti­giani, pic­coli impren­di­tori depau­pe­rati sono atti dispe­rati, grida di denun­cia della bru­ta­lità di un edi­fi­cio sociale che ormai ha messo al suo cen­tro la sola dimen­sione eco­no­mica. Intesa peral­tro non come atti­vità mirante ad una legit­tima pro­du­zione di red­dito al ser­vi­zio della crea­zione di una vita pro­spera, cul­tu­ral­mente ed eti­ca­mente intensa, bensì a con­sen­tire da un lato l’accumulo di ric­chezze smi­su­rate e di potere, da parte di pochi pri­vi­le­giati e dall’altro lato ad impo­ve­rire le mol­ti­tu­dini di lavo­ra­tori, pre­cari, semi occu­pati, disoccupati. (continua)


Per capire la nuova crisi in Iraq: E’ il petrolio, stupido!
di Michael Schwartz
Gli eventi in Iraq fanno notizia dovunque e ancora una volta non si menziona il problema che sta dietro gran parte delle violenze: il controllo del petrolio iracheno. I media, invece, sono inondati di dibattiti sull’orrore e di estese analisi di una minaccia terroristica non esattamente nuova di zecca, lo Stato Islamico di Iraq e Siria (ISIS). Ci sono, in aggiunta, elaborate discussioni sulla possibilità di una guerra civile che minaccia sia una nuova tornata di pulizia etnica sia il crollo del governo assediato del primo ministro Nouri al-Maliki. (continua)

Giornalismo di Pace


Il giornalismo oggi
di Roberto Savio
Da persona con una lunga carriera nella professione mi è stato chiesto di offrire alle generazioni più giovani la mia opinione su che cos’è il giornalismo. Il fatto è che in appena poco più di una generazione il giornalismo ha subito un profondo cambiamento. Val la pena di ricordare che fu creato per le élite. Al vertice dell’era coloniale il Times di Londra aveva una circolazione di sole 50.000 copie...  (continua)


Difesa, ecco il libro nero della ministra Pinotti
di Manlio Dinucci
Dopo aver ricevuto l’imprimatur del Consiglio supremo di difesa, convocato dal presidente Napolitano, la ministra Pinotti ha pubblicato le linee guida del futuro «Libro bianco per la sicurezza internazionale e la difesa», che traccerà «la strategia evolutiva delle Forze armate sull’orizzonte dei prossimi 15 anni».  (continua)

Arti e nonviolenza


“SAGA” e l'arte della pace: il fumetto di Vaughan e Staples
di Gianmaria Tammaro
Un buon fumetto deve avere tre cose: una storia convincente, protagonisti accattivanti e un’ambientazione spettacolare (non originale, attenzione; ma spettacolare). E Saga ha tutte e tre queste cose. Anzi, va oltre: al già visto, aggiunge la rielaborazione. Il fantasy che diventa fantascienza e la fantascienza che a tratti si fa steampunk. I disegni sono la prima cosa che attirano l’attenzione: le copertine sono piccole, grandi opere d’arte. (continua)

Progetti (Idee in movimento...)


Pace, carote e patate: è possibile educare alla pace fra gli 0 e i 3 anni?
di Karen Sampò
Nella lite per un gioco è giusto intervenire? Come fare per spiegare la condivisione a dei bimbi così piccoli? Nel caso di un bimbo di 1 anno e mezzo molto aggressivo e violento cosa è bene fare? (continua)

Primo Piano


IRENEA...
Lavori in corso! Aggiornamenti in tempo (quasi) reale dal cantiere...
(continua)

INTERVENTI CIVILI DI PACE IN PALESTINA
Ancora qualche posto disponibile! A ottobre, quattro settimane a sostegno delle attività dei Comitati Popolari di Resistenza, per l’affiancamento dei contadini durante la raccolta delle olive nei Territori Palestinesi Occupati.Scadenza iscrizioni il 10 luglio... affrettatevi! (continua)


F-35 a terra: cosa aspetta il Governo a cancellarli?
Fonte: Taglia le ali alle armi
Ennesimo blocco dei voli per i cacciabombardieri negli Stati Uniti ma il nostro Governo non taglia l’acquisto rimanendo solo su ipotesi di sospensione. La scelta più sensata è quella che la nostra Campagna avanza da tempo: totale cancellazione del programma. Di fronte ai problemi ed alle evidenze di incidenti quali sono i veri motivi che impediscono un cambio di rotta da parte del Governo Renzi? (continua)



Campi estivi 2014

Il MIR-MN del Piemonte e Valle d'Aosta, in collaborazione con il Centro Studi Sereno Regis e con altri gruppi e comunità, organizza alcuni campi per l'estate con lo scopo di diffondere la nonviolenza praticandola.
(continua)

Novità in Biblioteca



Egidia Beretta Arrigoni, Il viaggio di Vittorio, Baldini & Castoldi, Milano 2013, pp. 185, euro 8,90 (Recensione di Laura Tussi)



Alessandro Cortesi, a cura di, Storie di testimoni, sfide di pace, Nerbini, Firenze 2014, pp.152, euro 14 (Recensione di Nanni Salio) 

Pillole di semplicità volontaria (a cura di Cinzia Picchioni)


Pillola subliminale
La rivista si trova – gratis – in alcuni locali «trendy» di Torino (e non solo). Si chiama «Urban» e a volte contiene articoli veramente interessanti. Per esempio Vittorio Montieri (che ringrazio veramente) ha scritto a proposito delle strategie commerciali per farci comperare cose che non ci servono. Vi propongo qualche stralcio dell’articolo, per riflettere sulla frase – ritenuta un po’ «estrema» – «Nei supermercati non bisogna andarci» che a volte pronuncio parlando della semplicità volontaria e dei comportamenti consoni a tale filosofia di vita. (continua)

IPRI-Rete CCP


Proposta di legge per creare il Dipartimento della difesa civile
Depositato in Cassazione il titolo della proposta di legge di iniziativa popolare “Istituzione e modalità di finanziamento del Dipartimento per la difesa civile non armata e nonviolenta”. (continua)

Agenda


26.06–13.07
Mostra fotografica – “L’arte nell’Arte. Dall’Italia a Detroit e viceversa”
sala Poli

L’Arte Italiana in Michigan nelle fotografie di Richard Haskin. Inaugurazione: giovedì 26 giugno, ore 18.30. Pitture, architetture, sculture, teatro, letteratura, cinema e design: le sessanta fotografie di Haskin elaborano con originale sensibilità ogni aspetto dell’immaginario. (continua)







Sarajevo
mon amour

Racconti, incontri ed emozioni



Il tribunale del bene
di Ilaria Zomer

Volevo raccogliere testimonianze: anche nei tempi più bui della guerra in Bosnia Erzegovina ci sono stati esseri umani che hanno deciso di rimanere tali e di difendere l’umanità altrui anche a costo della propria vita”, così comincia Svetlana Broz, il cui cognome a qualcuno suonerà conosciuto, profondamente jugoslava come il nonno, Josip Broz Tito. Un interessante workshop intitolato “L’arte di ricordare la pace in tempi malvagi” presso l’associazione Gariwo è l’occasione per lanciare un progetto.  (continua)

Rassegna stampa (a cura della redazione)


Gaza. L’ansia della guerra
di Michele Giorgio 
«Non puoi passare, occorre far parte di una lista di giornalisti autorizzati per entrare (a Gaza)». Cadiamo dalle nuvole. Inutile far notare che questa disposizione non è mai stata comunicata alla stampa estera. Alla fine, dopo un’ora passata tra telefonate di protesta e discussioni con gli agenti della società di sicurezza che gestisce il valico di Erez, otteniamo il via libera. (continua)


Vita e matita di Gianfranco Zavalloni
di Michele D’Ignazio
Sapere, fare, saper fare, far sapere: l’insegnamento è un ciclo, come quello della vita. Probabilmente bisogna partire da qui, per capire Gianfranco Zavalloni, maestro, disegnatore, educatore, dirigente scolastico. Insegnare fa rima con disegnare. E vita fa rima con matita. “La pedagogia della lumaca”, il libro di Zavalloni più conosciuto, che è anche la sintesi del suo modo di insegnare, è diventato un punto di riferimento per molti insegnanti e per chi pratica una scuola pensata intorno ai bambini, una scuola dai ritmi diversi, più aperta al mondo, più manuale e più creativa. (continua)


Rwanda: la vita dalle macerie del passato (appunti di viaggio)
di Francesco Loiacono
Il servizio consolare online permette rapidamente di ottenere il visto d’entrata al piccolo Rwanda. In soli due giorni, il governo ruandese dà il benvenuto con una mail che riepiloga i dati del viaggiatore e invita a un piacevole soggiorno. Il documento è una copia scannerizzata a colori con la firma del direttore generale del servizio immigrazione ed emigrazione del paese sub-equatoriale. Entri a Kigali, ma ti sembra di esser arrivato in Svizzera. Due o tre ore dal confine con l’Uganda, dopo la dogana di Kagitumba, per chi proviene in bus da Kampala: Kigali, la capitale, è senza dubbio fra le città africane più pulite e ordinate in assoluto. (continua)

Copyright © 2014 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp