Copy
«Vivere semplicemente per permettere agli altri semplicemente di vivere» (M. K. Gandhi)
Centro Studi Sereno Regis
Follow on Twitter Friend of Facebook
Centro Studi Sereno Regis - Torino


newsletter 2014/30 | sabato 27 settembre 2014

Il mondo dentro, il mondo fuori. Cinema e disabilità

lunedì 29 settembre, ore 20.30, sala Poli

The special need, di Carlo Zoratti, Italia, 2014

Un viaggio, un road trip di iniziazione, la storia di un ragazzo disabile alla scoperta della sessualità.

Guarda il trailer:

Riflessioni


La pace possa prevalere sulla Terra! — Giornata Internazionale della Pace 2014
di Johan Galtung
Che buona idea, questa giornata! Per riflettere, fare l’inventario, godersi la pace, deplorare la non-pace. E la prima riflessione è questa: la pace è la condizione normale dell’umanità, proprio come la salute. C’è tanto comportamento normale, semplice, decente in giro, tanto aiuto reciproco, un darsi una mano, cameratismo, amicizia, buon vicinato quando si è colpiti gravemente dalla sventura. E percepiamo la mutualità, la reciprocità incondizionata; non sempre ma perlopiù. (continua)


Il Tribunale Russell ha rilevato prove di incitamento al genocidio e di crimini contro l’umanità in Gaza
La sessione straordinaria del Tribunale Russlel per la Palestina sulla operazione militare  di Israele Protective Edge tenutasi ieri a Bruxelles ha rilevato le prove di crimini di guerra, crimini contro l’umanità, crimini di assassinio, sterminio, persecuzione ed anche di incitamento al genocidio. La Giuria ha riferito: ‘L’effetto cumulativo di un regime di lunga durata di punizione collettiva a Gaza appare infliggere deliberatamente condizioni di vita  per condurre ad una crescente   distruzione dei Palestinesi in quanto gruppo, a Gaza.’ (continua)


Dio lo vuole!
di Uri Avnery

Sono sei decenni che i miei amici ed io mettiamo in guardia il nostro popolo: se non facciamo la pace con le forze nazionaliste arabe, dovremo affrontare le forze islamiste arabe. Il conflitto israelo-palestinese si trasformerà in un conflitto ebraico-mussulmano. La guerra nazionale diventerà guerra religiosa. In fondo i conflitti nazionali sono razionali. Riguardano un territorio. In generale, possono essere risolti con un compromesso. I conflitti religiosi sono irrazionali. Ognuno dei due campi crede in una verità assoluta e, automaticamente, considera tutti gli altri infedeli, nemici del solo vero Dio. (continua)


Il papa e la terza guerra mondiale
di Raniero La Valle
C’è stato un momento di commozione quando nel volo verso la Corea il papa ha saputo che l’aereo stava per sorvolare la Cina. Lo ha raccontato ai giornalisti durante il viaggio di ritorno. Ha spiegato che si trovava, in visita, nella cabina dei piloti, quando gli hanno detto che stava arrivando la Cina. C’era il permesso di sorvolo; ma è prassi che quando si sta per entrare nello spazio aereo di un Paese, si chieda formalmente via radio l’autorizzazione all’ingresso; e questa poi subito arriva per la stessa via. (continua)

Giornalismo di Pace


Usa, il riarmo nucleare del Premio Nobel per la pace
di Manlio Dinucci

Cinque anni fa, nell’ottobre 2009, il presidente Barack Obama fu insignito del Premio Nobel per la Pace in base alla «sua visione di un mondo libero dalle armi nucleari, e al lavoro da lui svolto in tal senso, che ha potentemente stimolato il disarmo». Motivazione che appare ancora più grottesca alla luce di quanto documenta oggi un ampio servizio del New York Times : «L’amministrazione Obama sta investendo decine di miliardi di dollari nella modernizzazione e ricostruzione dell’arsenale nucleare e degli impianti nucleari statunitensi». (continua)


Dopo ‘Margine protettivo’: quale futuro per Palestina e Israele?
di Richard Falk

L’operazione militare israeliana di 50 giorni che ha ucciso 2.100 palestinesi, ne ha feriti 11.000 e ha indubbiamente traumatizzato l’intera popolazione di Gaza di 1.700.000 persone, ha ucciso anche 70 israeliani, 65 dei quali erano soldati. Questo recente violento scontro è finito senza una chiara vittoria per l’una o l’altra parte. Malgrado questo, Israele e Hamas stanno entrambi insistendo che è stata ottenuta la ‘vittoria’. Israele fa notare i risultati materiali, cioè i tunnel e i depositi di missili che sono stati distrutti, le uccisioni di obiettivi presi di mira, e il complessivo indebolimento della capacità di Hamas di lanciare un attacco. (continua)

Arti e nonviolenza


Con Music For Peace 100 tonnellate di aiuti per Gaza
di Stefano Rebora

Cento tonnellate di medicine, alimenti e materiale scolastico, 2 ambulanze e 7 container: è il carico con cui Music for Peace è entrata a Gaza il 16 Settembre. Al momento siamo il primo e l’unico convoglio umanitario proveniente dall’Italia per la Striscia. È sempre stato difficile arrivare in questa terra martoriata da guerra e assedio, quest’anno più che mai. Siamo stati bloccati 50 giorni in Italia in attesa dei permessi di transito e valico dei confini. (continua)

Progetti (Idee in movimento...)


Sono on line le nuove proposte del progetto ‘Non bull-ARTI di me’ per gli studenti delle scuole medie!
Il gruppo informale No Hate Speech, grazie al finanziamento europeo del programma Gioventù in Azione e al supporto del Centro Studi Sereno Regis, ha elaborato le nuove proposte dirette agli istituti secondari di primo grado della città di Torino che vogliono attivarsi contro il Cyberbullismo. (continua)

Primo Piano


IRENEA...
Lavori in corso! Aggiornamenti in tempo (quasi) reale dal cantiere...
(continua)

Avviso urgente!
Cerchiamo numeri e/o annate complete di «Azione nonviolenta»: 1964; 1965; 1966; 1967; 1968. La persona di riferimento è Nanni Salio (oppure Cinzia Picchioni, il mercoledì mattina) rintracciabile telefonicamente al numero 011532824. Vi ringraziamo per la collaborazione.


Carovana italiana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia
23 novembre-6 dicembre 2014. Lampedusa-Pozzallo-Mineo-Catania-Gioia Tauro-Rosarno-Nardò-Caserta-Caivano-Scampia-Roma-Pisa-Firenze-Milano-Ventimiglia-Torino. In solidarietà con il Movimiento Migrante Mesoamericano organizzatore della 10a Caravana de Madres Centroamericanas buscando a sus migrantes desaparecidos (continua)


I prossimi passi per la Pace
La piattaforma di azioni e proposte per affrontare i conflitti e costruire un futuro di giustizia. (continua)

Novità in Biblioteca


Antonio Lombardi, Satyagraha. Manuale di addestramento alla difesa popolare nonviolenta, Dissensi Edizioni, Viareggio (Lu) 2014, pp. 200, € 16,00 (Recensione di Nanni Salio)


María Novo, Vivere slow. Apologia della lentezza, Edizioni Dedalo, Bari 2011, pp. 144 – f.to 14 x 21 cm, € 14.00 (Recensione di Marco Patruno)

Pillole di semplicità volontaria (a cura di Cinzia Picchioni)


Un regalo di «buon autunno»
Con Deliberazione della Giunta Comunale n. mecc. 2014-03377/046 del 22 luglio scorso, esecutiva dall’8 agosto, sono state approvate le nuove linee guida dell’iniziativa «Regala un albero alla tua città». Alla luce dell’esperienza derivante da 5 anni di attività, è stato ritenuto opportuno dal 2014 scorporare l’iniziativa in due sotto-iniziative, mantenendo il nome univoco «Regala un albero alla tua città»… (continua)

IPRI-Rete CCP


In trappola tra l'ISIS e Assad
di Molly Crabapple

La nostra auto si è fermata di nuovo a un checkpoint. Abbiamo fatto l'autostop e ci ha caricato un combattente vagamente hippy, vestito di una mimetica blu. Aveva una pistola infilata nella cintura.  Il ragazzo che ci controlla ha una maglietta che recita: "Qualcuno che mi ama molto è stato a Dubai e tutto quello che ho ricevuto è questa T-shirt". Yusuf e Mohammed ci portano nel minareto della moschea di Bab al-Salam. Mi siedo a disegnare i teloni di nylon sotto i quali si sono rifugiate 20.000 persone. (continua)

Agenda


sabato 27.09.2014 - 10.01.2015
Resistenza per tutti. Percorsi di lotta popolare nonviolenta
ore 14.30, Presidio di Susa “il sole in un baleno”
Uno spazio permanente di approfondimento, riflessione e preparazione alle azioni di resistenza del movimento. (continua)


16-25-30.09
SUPER 60 per sessantenni super!
ore 9.30 – 12.30, sala Poli
Tre incontri promozionali gratuiti, dedicati specialmente a chi ha compiuto i 60 anni di età, per valorizzarne la dignità, l’esperienza, le competenze, le capacità relazionali e favorire l’incontro e la condivisione in modi creativi... (continua)


dal 29.09 al 20.10
Il mondo dentro, il mondo fuori. Cinema e disabilità
ore 20.30, sala Poli
Una breve rassegna di cinema e teatro per riflettere insieme sulla visione della disabilità nelle varie società.  (continua)


martedì 30.09
Spiritualità e Agroecologia a Toribio: come il popolo Nasa resiste alla violenza in Colombia
ore 18.00, sala Gandhi

Intervengono Elicerio Vitonas Talaga e Diego Fernando Yatacue Ortega. (continua)


3-4.10
CONVEGNO – 100 anni di guerra 100 anni di pace
sala Poli

In occasione di questa ricorrenza proponiamo al pubblico di ripercorrere questi cento anni mettendo in luce e valorizzando iniziative ed eventi che testimoniano la presenza di forme di opposizione alle guerre – dalle forme di resistenza nonviolenta messe in atto dai popoli alle iniziative concrete di azione nonviolenta per la costruzione della pace. (continua)


25/26.10 – 8/9.11
“POPOLO SOVRANO”. Il passaggio da sudditi a cittadini attraverso l’azione trasformativa del Teatro Forum
sala Poli
Esplorando la metodologia del Teatro dell’Oppresso. Scadenza iscizioni: lunedì 20 ottobre. (continua)


domenica 26.10
Orizzonti mediterranei. Storie di migrazione e di violenze
ore 21, sala Poli
Documentario di Maria Grazia Lo Cicero e Pina Mandolfo. Musiche del Quartetto Areasud. (continua)


2015-2016
Master Biennale in Psicopatologia Gestaltica e Fenomenologica
sala Poli
L’intento è di offrire la ricchezza di questi orizzonti di comprensione della sofferenza e della cura a quanti già formati alla psicoterapia o psichiatria che vogliano ampliare le proprie competenze. (continua)

Sarajevo mon amour
Racconti, incontri ed emozioni


BiH 2014: il dono della croce
di Andrea Rossini
Nella notte tra sabato e domenica sulle pendici del monte Trebević, sopra Sarajevo, è stata innalzata una croce di 10 metri per 4. La croce si trova in località Zlatište, ed è ben visibile dal centro della capitale bosniaca, in particolare dalla Baščaršija fino all'incrocio di Skenderija e oltre. Il luogo è quello da cui l'artiglieria serbo bosniaca bombardava la città assediata durante la guerra 1992-95. (continua)

Rassegna stampa (a cura della redazione)


Ho negato il cambiamento climatico più a lungo di quanto mi piaccia ammettere
di Naomi Klein

Ho negato il cambiamento climatico più a lungo di quanto mi piaccia ammettere. Sapevo che stava avvenendo, sicuro. Non come Donald Trump e gli esponenti del Tea Party, che sostengono di come il perdurare dell'esistenza dell’Inverno dimostri che il cambiamento climatico sia solo una bufala! Ma sono rimasta piuttosto sul vago riguardo i dettagli, ed ho anche scremato la maggior parte delle notizie, soprattutto quelle veramente spaventose. Mi son detta che la scienza era troppo complicata, e che occuparsene era compito degli ambientalisti. Ed ho continuato a comportarmi come se non ci fosse niente di sbagliato nella “carta luccicante” custodita nel mio portafoglio, che attesta il mio status di membro d’élite dei “frequent flyers”. (continua)


Il discorso che non abbiamo sentito
di Phyllis Bennis

Rivolgendosi ai presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e forse a un re o due raccolti all’annuale “dibattito generale” dell’Assemblea Generale dell’ONU, il presidente Barack Obama aveva di fronte un grosso compito. In venti minuti o giù di lì (anche se è improbabile che un qualche addetto al protocollo allontani il presidente degli Stati Uniti dal podio perché si dilunga troppo) doveva giustificare le sue nuove e continue guerre, dare una logica alla militarizzazione della politica nei confronti di gran parte del mondo e riaffermare il potere e la legittimità dell’impero (per quanto in declino) degli Stati Uniti. Non era un compito semplice. (continua)


Vicini di casa, vicini di vita
di Alberto Rizzardi e Generoso Simeone
Il buon vicinato ai tempi dei social network. Può sembrare un’eresia, visto tutto quel che è stato detto in questi anni sulla contraddizione, più che sulla cooperazione, tra questi due aspetti della vita moderna e sulla capacità delle nuove tecnologie di distrarre e astrarre dalla realtà, con milioni di utenti che sono in contatto ogni giorno con decine di amici in giro per il mondo, salvo poi non rivolgere la parola e magari non sapere neanche il nome del dirimpettaio. Tutte cose vere. Ma c’è anche l’opposto. (continua)

Copyright © 2014 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp