Copy
La mia vita è il mio messaggio. (M. K. Gandhi)
Visualizza questa mail sul web
newsletter del
Centro Studi
Sereno Regis
Torino

riflessioni e approfondimenti

n. 02/2017
domenica 22 gennaio
Share
Tweet
Forward
+1
Share
Pin
Economia mondiale ed economisti nel 2017 | Johan Galtung

Due punti strettamente correlati, per cominciare. In questa rubrica si è sostenuta l’Elevazione dei ceti più marginali come approccio economico valido in ogni circostanza, per mitigare qualunque sofferenza e per indurne l’ingresso nell’economia come produttori e consumatori, non come “casi anomali”. In questa rubrica si è anche sostenuta la valutazione di Trump non dalle sue parole intossicanti né da quelle dei commentatori, ma dai suoi atti. Bianchi-maschi-lavoratori-non laureati non costituiscono i ceti più bassi degli USA, ma ci stavano arrivando.

leggi tutto
Sguardi italiani su… l’Etiopia | Elena Camino

Un po’ di storia. La guerra d’Etiopia, nota anche come campagna d’Etiopia o guerra d’Abissinia, fu condotta dal Regno d’Italia contro l’Impero d’Etiopia a partire dal 3 ottobre 1935, e si concluse dopo sette mesi di combattimenti con l’invasione totale del territorio etiope e con l’assunzione della corona imperiale da parte di Vittorio Emanuele III. Benito Mussolini non esitò ad autorizzare il maresciallo Pietro Badoglio e il generale Rodolfo Graziani a impiegare armi chimiche in questa campagna.

leggi tutto
Sì, possiamo | Uri Avnery

Durante la 2^ guerra mondiale, quando i bombardieri tedeschi terrorizzavano la Gran Bretagna, un gruppetto d’impavidi avieri li affrontava tutti i giorni. la loro aspettativa di vita si misurava in giorni. Una volta, un genio del ministero della propaganda inventò un manifesto: “Chi ha paura della Luftwaffe tedesca?”. Affisso a una base della Royal Air Force, un anonimo ci scrisse sotto: “Firma qui”; nel giro di qualche ora tutti gli avieri avevano firmato.

leggi tutto
Storia degli interventi nonviolenti nei conflitti | Angela Dogliotti

Dagli Shanti Sena gandhiani ai corpi civili di pace

Premessa

Il pacifismo dice NO alla guerra, la nonviolenza cerca alternative alla violenza nei conflitti:

  • Un conflitto può essere un rischio o una opportunità, distruttivo o costruttivo, dipende dal MODO con il quale lo si affronta;

leggi tutto
Questo villaggio – modello in Tamilnadu fa vergognare il Governo Indiano

Siete stanchi di sentir raccontare sempre i soliti problemi, senza mai una soluzione in vista? Allora leggete il caso del ‘Villaggio Modello’ di Kuthambakkam, un esempio piacevole e incoraggiante di trasformazione sociale, economica e politica che è il risultato della tenacia, della dedizione e del senso di appartenenza...

leggi tutto
Nel frattempo in giro per il mondo | Johan Galtung

La Nucia, Spagna: Il Centro Social ha invitato tutte le persone della Comunidad Valenciana che si sentono sole, gli uomini con più di 65 anni e le donne sopra i 60, a trascorrere un soggiorno gratuito presso un hotel durante Natale, 23-27 Dicembre 2016. Che molti possano imitarlo!
 

leggi tutto
Il rimedio è la povertà | Goffredo Parise

Questa volta non risponderò ad personam, parlerò a tutti, in particolare però a quei lettori che mi hanno aspramente rimproverato due mie frasi: «I poveri hanno sempre ragione», scritta alcuni mesi fa, e quest’altra: «il rimedio è la povertà. Tornare indietro? Sì, tornare indietro», scritta nel mio ultimo articolo.
 

leggi tutto
Standing Rock e il ritorno della campagna nonviolenta | George Lakey

Le campagne nonviolente sono spesso plateali e attirano molta attenzione-si pensi ai difensori dell’acqua a Standing Rock determinati e fermi davanti alla forza bruta della polizia. E’ ancora più sorprendente, quindi, che l’idea di una “campagna nonviolenta” sia poco conosciuta e spesso ignorata...

leggi tutto
In piedi, esseri umani, la povertà è un furto | Riccardo Petrella

«manifesto per la dignità universale». Primo: demolire da cima a fondo tutto il sistema finanziario, che depreda la vita fin nelle sue basi elementari, geni e cellule La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici.
 

leggi tutto
Vecchi auspici per il Nuovo Anno, a destra e a manca | Johan Galtung

Questo Nuovo anno s’annuncia ovunque con botti, non piagnistei. Papa Francesco ha fatto un giro d’orizzonte per tutti i continenti, con una vibrata denuncia della violenza e per la sua alternativa preferita: il negoziato. Molta violenza è imitativa, in un modo o nell’altro, essendo alla moda.
 

leggi tutto
La perdita di habitat come spinta alla migrazione | Saskia Sassen

Una assunzione importante nell’organizzare la ricerca che mi ha portato a scrivere questo articolo è che il contesto generale in cui i flussi migratori si manifestano è significativo. Si può vedere che molti dei più estesi flussi migratori degli ultimi due secoli, e anche prima, hanno avuto un inizio: non sono sempre stati presenti.
 

leggi tutto
Come rovesciare un tiranno (con mezzi pacifici) | Tina Rosemberg

Diversi anni fa, prima che il loro movimento fosse corrotto dalla violenza, un gruppo di giovani siriani intenzionati a far cadere il regime di Bashar al-Assad trascorse una settimana in un resort isolato fuori dai confini della Siria per partecipare a un workshop sulla rivoluzione.

leggi tutto
Disarmo nuclerare, l’Italia cambia e dice sì | Giorgio Nebbia

Il 24 dicembre, vigilia di Natale, all’assemblea generale delle Nazioni Unite a New York è stata approvata la risoluzione L.41 che impone l’avvio di negoziati per mettere fuori legge le armi nucleari, primo passo per la loro abolizione totale. La risoluzione è stata approvata con 113 voti a favore, 35 contrari e 13 astensioni...

leggi tutto

Nuovi libri in biblioteca

Pillole di semplicità volontaria

Cercasi coerenza disperatamented

Perché questo titolo con l’ennesima citazione cinematografica?
Perché con l’anno nuovo ho deciso che non scriverò più io le «Pillole».
Proprio come con la medicina «alternativa» non si prende la pillola quando si ha mal di testa, ma si cerca di capire perché ci è venuto e si tenta di prevenire, prendendosi la responsabilità dei propri malanni, così è finita l’era della Pillola bell’e pronta.
leggi tutto

SerenoRegisTV

26.11.2016 | Cerimonia di premiazione de "gli occhiali di Gandhi" | 34° TFF
8.11.2016 | Seminario aperto | Luciano Gallino.
Tra magistero scientifico e impegno politico 

Rassegna stampa

Per la sicurezza di tutti, sottrarre il monopolio della difesa ai militari
di Pasquale Pugliese

Le vicende di questi giorni, che legano tragicamente i terremoti e la nevicate nel Centro Italia, mi fanno pensare che vorrei vivere in un Paese moderno, capace di dotarsi – capillarmente – di potenti mezzi di difesa, come turbine, spazzaneve, rilevatori della stabilità degli edifici, elicotteri della protezione civile in grado di volare di notte, canadair… Invece viviamo in un Paese che preferisce dotarsi – abnormemente – di tremendi strumenti di guerra: cacciabombardieri F35, portaerei, carriarmati… Che difendono egregiamente gli interessi dei produttori di armamenti, ma lasciano drammaticamente indifesi i cittadini di fronte alle minacce quotidiane e reali.

leggi tutto>>


Lo specchio di Davos
di Guglielmo Ragozzino

A Davos, in Svizzera, ogni anno, in gennaio, il pianeta si guarda allo specchio ed è uno specchio dorato. La novità questa volta è il presidente della Cina che ormai entra di pieno diritto tra gli invitati che sono capi di stato e miliardari, con un corteggio di consulenti, commentatori e compagnia bella. Il controcanto nel coro dei ricchi è tradizionalmente offerto dallo studio di Oxfam, la famosa Ong inglese che rampogna i presenti per la loro avarizia e grettezza.

leggi tutto>>


Analisi. Investire in istruzione: l'arma vincente per costruire la pace
di Raul Caruso

Il 2017 si è aperto con la recrudescenza di tensioni internazionali che, purtroppo, non sembrano trovare soluzioni. L’elezione di Donald Trump ha poi reso chiaro che dal punto di vista strategico si apre una nuova fase di confronto anche militare con la Cina. Nelle ultime settimane, inoltre, abbiamo letto dichiarazioni in merito al riarmo nucleare sia in Russia che negli Stati Uniti. La facile previsione purtroppo è che per alcuni Paesi si apra, e per altri si consolidi, una fase di riarmo che aumenterà il livello di insicurezza diffusa a livello globale.

leggi tutto>>
Dopo Aleppo: la situazione della Siria
di Vijay Prashad

L’esercito arabo siriano ora controlla Aleppo, il che significa che il governo siriano ha ancora una volta il potere sui principali centri popolati del paese. Le forze armate dell’opposizione sono intrappolate attorno a Damasco e a Idlib, mentre lo Stato Islamico (IS) tiene ancora la città settentrionale di Raqqa. Queste forze, IS compreso, sono sulla difensiva, disorganizzate, indebolite logisticamente e disorientate. In larga misura abbandonati dai loro benefattori – l’occidente, gli arabi del Golfo e la Turchia – questi combattenti hanno ceduto a una grande disperazione nella loro violenza o sono prossimi ad arrendersi. Un cessate il fuoco mediato il 30 dicembre 2016 tiene nella maggior parte del paese. Colloqui di pace devono iniziare il 23 gennaio ad Astana (Kazakistan). Iran, Russia, Governo siriano, parti dell’opposizione siriana, Turchia e Nazioni Unite avranno un posto al tavolo. Gli Stati Uniti e gli europei non ci saranno.

leggi tutto>>


Il problema non è Trump. Siamo noi
di John Pilger

Negli Stati Uniti, il giorno dell’insediamento del Presidente Trump, migliaia di scrittori esprimeranno la loro indignazione. “Per poter guarire e andare avanti…”, si dice al Writer Resist, “vogliamo andare oltre il discorso politico diretto, e, concentrandoci sul futuro, noi, come scrittori, possiamo essere una forza unificatrice per la tutela della democrazia”. E ancora: “Esortiamo gli organizzatori e relatori locali ad evitare di chiamare per nome i politici o di usare un linguaggio di contestazione come punto focale per l’evento Writer Resist. È importante garantire che le organizzazioni senza scopo di lucro, a cui sono vietate campagne politiche, si sentano sicure nel partecipare e sponsorizzare questo evento”.

leggi tutto>>


Basta seminare il panico: in Palestina e Israele un unico Stato democratico è possibile
di Ramzy Baroud

Già molto prima del 28 dicembre scorso -quando il Segretario di Stato John Kerry è salito sul palco del Dean Acheson Auditorium di Washington DC per pontificare sull’incerto futuro della soluzione a due Stati e sulla necessità di salvare Israele da se stesso -Il tema della creazione di uno Stato Palestinese è stato di primaria importanza. Infatti, nonostante ciò che si crede comunemente, lo sforzo per costituire uno Stato palestinese accanto ad uno ebraico risale a molto prima della Risoluzione Onu 181 del novembre 1947. Quella famigerata risoluzione chiedeva la partizione della Palestina in tre entità: uno Stato ebraico, uno palestinese e un controllo internazionale su Gerusalemme.

leggi tutto>>


Teatro. Donne, una Spina contro i violenti
di Michele Sciancalepore

Laura, 22 anni, è in macchina con Nino, il suo ex fidanzato. Discutono. Lei lo prega di lasciarla in pace perché ormai è finita tra loro. Lui non ci sta, comincia a picchiarla violentemente e giù schiaffi, pugni, calci… «Tua madre non la vedrai più! Vuoi morire col cric o bruciata?», le urla in faccia in dialetto siciliano. Ridotta a una maschera di sangue e terrorizzata Laura tenta di scappare ma Nino la riacciuffa per i capelli e la riporta in macchina… 

leggi tutto>>


Servizio civile per richiedenti asilo: le storie di Sayon, Mamadou e Gerald
di Daniele Biella

 Sayon Tounkara, Mahamadou Marega, Gerald Unuakhe: i primi due dal Mali, il terzo dalla Nigeria, tutti e tre 26enni. Segnatevi i loro nomi, perché sono tra i primi richiedenti asilo che sono stati selezionati per l’anno di Servizio civile nazionale, e da ottobre sono parte integrante dell’equipe di lavoro della Misericordia di Corsagna, provincia di Lucca, ognuno in un ambito diverso.

leggi tutto>>
Duecento anni fa il barone Drais mise in strada la prima bicicletta
di Leonardo Servadio

Laufmachine: macchina per correre. La chiamò così il barone Karl Drais quando la mise in strada nel 1817 a Mannheim. Di una semplicità assoluta, ma dopo l’invenzione della ruota è stata forse tra le maggiori scoperte nella storia della tecnologia. Perché prima che nascesse la bicicletta ci voleva la forza degli animali da traino, e l’unica alternativa alle carrozze o al trasporto a dorso di animale – tutte variabili piuttosto costose, tanto che il termine “cavaliere” è rimasto a indicare i personaggi di prestigio – era di muoversi a piedi. 

leggi tutto>>

In lingua originale

Peace Journalism: What, Why, Who, How, When, Where
By Johan Galtung

What Is Peace Journalism? Imagine a blackout on everything we associate with medical practice; never to be reported in the media.  Disease, however, is to be reported fully, in gruesome detail, particularly when elite persons are struck.  The process of disease is seen as natural, as a fight between the human body and whatever is the pathogenic factor, a micro-organism, trauma, stress and strain.  Sometimes one side wins, sometimes the other. It is like a game, even like a sports game.  Fair play means to give either side a fair chance, not interfering with the ways of nature where the stronger eventually wins.  The task of journalism is to report this struggle objectively, hoping that our side, the body, wins.

read more>>


Hundreds of peace activists are marching from Berlin to Aleppo
By Sarah Aziza

In the wake of untold civilian casualties in Syria, thousands have pledged their support for what’s being called the Civil March for Aleppo. The initiative, which began in Berlin on Dec. 26, will see hundreds of marchers re-trace the 2,100-mile path between Syria and Germany that many refugees have been forced to walk. The group, comprised of 14 nationalities, took to the cold streets carrying white flags, camping gear and a message of peace.

read more>>
What Kind of Nonviolence Training Do You Need?
By Rivera Sun 

Campaign Nonviolence is often contacted by people who are looking for nonviolence trainings. Frequently, they are not sure what type of training they need, or what the catch-phrases are to describe what they’re looking for. This guide is offered as a resource in identifying which type of nonviolence training supports the needs of each situation. We believe that a culture of active nonviolence will benefit from training all citizens in all of these skills and practices. However, the different types of trainings are distinct and not interchangeable.

read more>>


5 Conflict Resolution Strategies
By KatieShonk

Whether a conflict erupts at work or at home, we frequently fall back on the tendency to try to correct the other person or group’s perceptions, lecturing them about why we’re right—and they’re wrong. Deep down, we know that this conflict resolution approach usually fails to resolve the conflict and often only makes it worse. Here are 5 conflict resolution strategies that are more effective, drawn from research on negotiation and conflicts, to try out the next time you’re tempted to argue your point.

read more>>
Israeli army jails two conscientious objectors for fourth time
By Yael Marom

The Israeli army on Monday sent two conscientious objectors to jail for the fourth time, just five days after they had finished serving their third stint in prison. Presenting themselves at the Tel Hashomer military induction base, Tamar Ze’evi, 19, and Tamar Alon, 18, declared their refusal to join the army and take part in the occupation, for which they were sentenced to 30 days’ detention. The army also decided to separate the two women, sending them to different prisons. By the end of this latest period in jail, they will have spent a total of 74 days behind bars for refusing to serve in the army.

read more>>

Copyright © 2017 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp