Copy
La mia vita è il mio messaggio. (M. K. Gandhi)
Visualizza questa mail sul web
newsletter del
Centro Studi
Sereno Regis
Torino

riflessioni e approfondimenti

n. 38/2016
venerdì 28 ottobre
Share
Tweet
Forward
+1
Share
Pin
Pericolo di guerra. Che fare? | Enrico Peyretti

L’opinione pubblica internazionale assiste impotente allo scivolamento verso scenari di guerra aperta, in assenza di una mobilitazione che ottenga per tempo dai governi saggi passi indietro. Non c’è solo il terrorismo nella “guerra mondiale a pezzi” da tempo in corso, che può condurre a esiti incontrollabili.

leggi tutto
SI’ al bando delle armi nucleari nel 2017: un giorno storico all’ONU per il disarmo atomico

Oggi, alle 18.00 circa dell’ora di New York (le 24.00 per l’Italia), il 27 ottobre 2016, al Palazzo di Vetro è passata la risoluzione presentata dal Messico (co-sponsor per la redazione l’Austria, Brasile, Irlanda, la Nigeria e il Sud Africa) e da altri 57 Paesi per il bando delle armi nucleari con una Conferenza ONU da tenere nel 2017.

leggi tutto
Un albero in memoria di Nanni | Angela Dogliotti Marasso

E’ con una certa commozione che assistiamo oggi alla realizzazione di un desiderio: che in questa città, in questi storici giardini Cavour, vicino alla statua del Mahatma Gandhi, sia piantato un albero in memoria di Nanni Salio. E’ un’idea che il gruppo inter-religioso Insieme per la Pace , ospite da anni al Centro Studi Sereno Regis, ci ha proposto per celebrare i 20 anni di incontri e che abbiamo subito accolto con gratitudine...

leggi tutto
Il ricordo di Nanni, pace negativa e pace positiva | Fredo Olivero

E’ sempre difficile dire cose non banali, in modo corretto. Sono uomo di chiesa, ma “laico” in senso positivo. Se vogliamo vivere in pace dobbiamo avere il coraggio di esaminare a fondo quanto oggi viviamo direttamene e quanto ci viene raccontato come vero.

leggi tutto
Vite più lunghe ma meno significative? | Johan Galtung

Negli ultimi cent’anni l’aspettativa di vita è aumentata di circa 25% – da circa 80 a circa 100 annu -in alcuni paesi. Ma, invece di prolungare un’infanzia giocosa, l’istruzione, l’età lavorativa e poi di quiescenza appunto di ¼, l’età di pensionamento si è spostata molto meno che l’età di morte.
 

leggi tutto
Perché Aleppo è il sintomo di ciò che è sbagliato nel nostro modo di trattare le atrocità | Patrick T. Hiller

Ancora una volta l’espressione “Mai più!” è portata alla ribalta dalle uccisioni di civili e dalle sofferenze su larga scala cui stiamo assistendo. La città siriana di Aleppo è assediata e le Nazioni Unite avvertono che la città potrebbe essere totalmente distrutta nel giro di due mesi.
leggi tutto
La rassegna stampa di Emilio Tornior sul tema TAV Torino-Lione nell’archivio del Sereno Regis | Ezio Bertok

Una preziosa rassegna stampa di oltre dieci anni sul tema TAV Torino-Lione è disponibile e consultabile presso il Centro Studi Sereno Regis.

 

leggi tutto
“Palestina occupata”, scenari mondiali incerti e Diritto Internazionale | Luca Cellini

13 ottobre 2016, questa la data riportata sull’approvazione dell’ultima Risoluzione dell’Unesco dal titolo “Palestina Occupata”. In sintesi la risoluzione approvata  dall’Agenzia delle Nazioni Unite chiede allo Stato d’Israele di ripristinare lo status quo storico dei luoghi santi...

leggi tutto
4 novembre: Non è una festa | Donne in Nero

Il prossimo 4 novembre ancora una volta sarà celebrata la “festa” delle Forze Armate. Per noi non è una festa. La partecipazione italiana alle guerre degli ultimi 26 anni, malgrado gli obiettivi dichiarati, ha creato nuovi nemici e non ha prodotto per le popolazioni aggredite né pace, né garanzia di diritti, né progressi di libertà...

leggi tutto
Guerre, pace e il sogno di diventare inutili | Fonte: Reteconomy
 
L’articolo 11 della Costituzione Italiana è chiaro: “L’Italia ripudia la guerra”. Non solo ma la nostra Repubblica favorisce la pace e chi opera in questa direzione. Eppure il mercato delle armi non conosce crisi e come ha detto Ban Ki Moon: “Il mondo è troppo armato e la pace è sottofinanziata”.
 
leggi tutto
Donne che fomentano disordini… o forti donne nonviolente? | Elena Camino

Ashish Kithari è uno scrittore indiano, fondatore e membro di Kalpavriksh, una organizzazione no-profit impegnata su tematiche ambientali.



 

leggi tutto
Come un albero di ulivo | Interventi Civili di Pace in Palestina

La sveglia suona poco dopo l’alba, quando c’è tempo ci si gode il privilegio di un buon caffè italiano che per noi è più prezioso dell’oro e poi via,verso gli uliveti. Dopo qualche ora il sole è già alto nel cielo e brucia sulla pelle, già sporca dalla polvere che ricopre le olive.



 

leggi tutto
Nablus: tra ferite, Storia e speranza | Interventi Civili di Pace in Palestina

Il fiume giallo di taxi che scorre lento davanti a noi è l’ultimo saluto che la splendida città di Nablus ci regala. Incastonata come una gemma tra le brulle colline del nord della West Bank, questo è uno di quei posti che non si vorrebbero lasciare mai.

 

leggi tutto
Spagna “senza governo” – e poi? | Johan Galtung

La democrazia è governo col consenso dei governati; di tutti col dialogo, della maggioranza col voto. Il parlamentarismo è governo col consenso del parlamento da parte di tutti o di una maggioranza; e consenso degli elettori secondo proporzionalità.


 

leggi tutto
At-Twani: resistere è vivere | Interventi Civili di Pace in Palestina

Dopo i primi giorni passati nelle città di Al-Quds (Gerusalemme), tormentata dall’occupazione che gli israeliani vogliono nascondere ai numerosi e spesso indifferenti turisti, ci siamo spostati a Ramallah. 

leggi tutto
Cinema | Lettere da Berlino | Enrico Peyretti

Segnalo il film Lettere da Berlino (2016, regista svizzero Vincent Pérez) tratto dal romanzo Ognuno muore solo (del 1946-47) di Hans Fallada: si tratta di un episodio di opposizione  al nazismo mediante diffusione di messaggi, tra 1940 e 43.



 

leggi tutto

Nuovi libri in biblioteca

Pillole di semplicità volontaria

Aggiungi un pasto a tavola!

Sono lieta di ospitare questa notizia, lasciando lo spazio della Pillola settimanale, soprattutto perché sono “cugine”, almeno di intenti. Dunque, da ora in avanti, quando decideremo di organizzare un evento (Festa di laurea? Battesimo? Convegno? Aperitivo benefico? Addio al celibato/nubilato – ma si fa ancora? –, insomma, qualsiasi “riunione di umani” in cui si mangia e si beve) contatteremo questa organizzazione, per destinare gli avanzi di cibo che sicuramente si creeranno.

leggi tutto

SerenoRegisTV

30.09.2016Convegno Guerra e terrorismo: dove sono i nonviolenti? - I parte
L'esperienza dei corridoi umanitari
Convegno Guerra e terrorismo: dove sono i nonviolenti?
1.10.2016 | Convegno Guerra e terrorismo: dove sono i nonviolenti? - II parte
L’eredità di Nanni, le sue ricerche di alternative alla guerra:
Tavola rotonda “Invece degli interventi armati, gli interventi civili di pace”

Rassegna stampa

L’AMICIZIA CON I SAUD E’ A PROVA DI BOMBA. GENTILONI CALPESTA LA LEGGE 185L’amicizia con i Saud è a prova di bomba. Gentili calpesta la legge 185
di Marinella Correggia

Question time alla Camera, 26 ottobre 2016: il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha risposto (malamente) a un’interrogazione del Movimento 5 stelle. Le domande erano: chi ha autorizzato l’export di armi dall’Italia ai Saud? e quando? e se dopo 19 mesi di bombardamenti sauditi sullo Yemen - con innumerevoli crimini di guerra e oltre seimila morti civili -, questo rapporto militare non va forse rivisto? Nella sua risposta, Gentiloni ha precisato che Usa, Francia, Regno unito e Germania esportano a Riad più di noi. Insomma: c’è chi è più assassino di altri.

leggi tutto>>


La lunga storia che porta a Gorino
di Lorenzo Guadagnucci

«Mi vergogno molto di quello che è successo a Ferrara, credo si debbano vergognare quelle persone che hanno impedito la sistemazione di donne e bambini»: sono parole insolite, raramente ascoltate a fronte di episodi simili, e le ha pronunciate nientemeno che il prefetto Mario Morcone, responsabile del Dipartimento immigrazione. Un intervento dissonante rispetto alle cautele – o, all’opposto, al plauso – che anche stavolta hanno accompagnato la bravata di un gruppo di cittadini di Gorino, nel ferrarese. 

leggi tutto>>


Coincidenze
di Claudio Giorno


I viaggi in autobus sono faticosi, ma non per i cittadini del movimento No Tav – ancorché di età media avanzante (perché sono ormai trascorsi 26 anni da quando ci si accorse che per un’altra Grande Opera la lobby dei proponenti aveva scelto ancora il fondovalle più infrastrutturato d’Europa per “ospitarla”…). E il viaggio di ‘sta notte – quella tra il 25 e il 26 ottobre – è accompagnato dal ricordo di un ragazzo francese, Rémi Fraisse, 21enne studente di Tolosa, che giusto due anni fa con il suo zaino in spalla, senza casco e a mani nude, manifestava insieme ad altre migliaia di persone di ogni età.
L’età della grande reclusione
di Tonino Perna

La cacciata dei migranti dalla cosiddetta «giungla di Calais» è l’ennesimo, odioso, atto di repressione di un governo dell’Unione Europea che pensa di guadagnare consensi usando le maniere forti con i deboli, i disperati, i profughi che scappano dalle guerre che noi abbiamo provocato e gestito. Purtroppo, anche i governi di centrosinistra inseguono la destra estrema sul piano della durezza della repressione verso i migranti, accettando lo slogan diventato un luogo comune: ci stanno invadendo.

leggi tutto>>


La cortina fumogena della paura
di Zvi Schuldiner 

È probabile che quando il Nobel verrà assegnato a chi più ha attivamente usato la paura per far avanzare le sue manovre, il premio andrà al premier israeliano Netanyahu. E se dovesse essere assegnato a chi parla senza sapere di cosa parla, molti israeliani e non pochi italiani si disputeranno il titolo. Lo scandalo Unesco, la decisione tanto criticata su Gerusalemme, è un caso molto strano nel quale la maggioranza degli attori crea ad arte una raccapricciante e tragica gran cortina di fumo, che permette di non parlare delle questioni vere, del costo della guerra e del sangue da versare in una crisi che sta solo precipitando. 

leggi tutto>>


confMosul. Oltre la guerra, proteggere i diritti di civili e combattenti
Fonte: Un ponte per...

Proteggere i civili e rispettare il diritto umanitario internazionale durante le operazioni militari per la liberazione di Mosul ma anche dopo, quando i rischi per la popolazione sfollata rimarranno alti: questo lo scopo di una conferenza che “Un ponte per…” ha organizzato insieme alle Ong Geneva Call, Public Aid Organization (PAO) e Norwegian Peoples Aid (NPA) il 18 ottobre a Dohuk, nella regione del Kurdistan Iracheno.

leggi tutto>>


1024817497
Siamo tutti criminali di guerra
di Enrico Euli

Aleppo è stata in parte occupata dai fanatici di Al Nusra, Isis o qualcosa di simile. Per liberarla da loro, il governo siriano sta assediando e massacrando da mesi i suoi stessi cittadini, con il sostegno russo. Nessuno può uscire da lì, vivo o morto che sia. La gente è alla fame, disperata, non si può neppure salvare negli ospedali, anch’essi oggetto di attacchi furibondi e continui, non casuali. Si spera così che i nemici decidano di lasciare il campo, di arrendersi, di ritirarsi. Ma così non è e non sarà, almeno sino a quando ci sarà qualche civile ancora vivo nella città.

leggi tutto>>


Cáceres e il ruolo di alcune banche europee
di Maria Cristina Fraddosio
Ci si imbatte in una fitta trama di relazioni, in cui potere, politica, forze armate e interessi economici mondiali si aggrovigliano. E, per comprendere quanto accaduto all’ambientalista honduregna, Berta Cáceres, che ha lottato per difendere la sua terra e il suo popolo, la comunità indigena Lenca, si fa il giro del mondo. 
leggi tutto>>
Non cominciare, saggezza suprema
Barbara Bertancin intervista Gianni Sofri.


Quando Gandhi scrisse a Tolstoj, che lui riconosceva come un maestro insieme a Thoreau, Ruskin e Raychandbhai, un gioielliere giainista di Bombay; la domanda se Gandhi sia diventato indiano a Londra; i tantissimi libri che lesse in carcere e di cui pubblicava l’elenco; la sua idea della non-violenza e il suo pragmatismo politico; la complessità spesso non raccontata dell’India, dove, pur nella venerazione di Gandhi, governano i discendenti di chi lo uccise.
Land Grabbing
di Tonio Dell'Olio

Un triste fenomeno che ormai viene indicato esclusivamente col suo termine inglese. Forse per edulcorarne le sue conseguenze tragiche sul piano umano, economico ed ambientale. In buona sostanza si tratta della nuova forma di colonizzazione selvaggia che le imprese multinazionali stanno mettendo in atto soprattutto in Africa. 

leggi tutto>>


La mia battaglia per liberare le schiave dell'Isis La mia battaglia per liberare le schiave dell'Isis
di Sara Lucaroni

Giovani con figli piccoli, madri sole. C’è anche qualche donna anziana. Sedute su divano scuro, in posa per il prossimo aguzzino. Sono queste le foto che vengono da un vecchio gruppo su Telegram, aperto per la vendita delle schiave dello Stato Islamico a Raqqa.

leggi tutto>>


Economia circolare, la sfida del benessere senza sprechi 
di Marco Morosini

Il concetto di economia circolare, che sta dilagando nelle agende di parlamenti, governi, e aziende, sembra un termine tecnico. Invece esso prelude a un cambiamento epocale, soprattutto del pensare e del vivere. È un cambiamento altrettanto radicale – e di segno opposto – rispetto a quello degli ultimi spensierati anni del consumismo terminale. Decenni fa per molti giovani della generazione-eskimo era segno identitario indossare vecchi indumenti militari, robusti e duraturi, riciclandoli in una nuova e prolungata vita.

leggi tutto>>


PeaceLink e Unimondo - Agenda Onu 2030: Riflessioni interculturaliAgenda Onu 2030: Riflessioni interculturali
di Laura Tussi

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Essa ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile un grande programma d’azione per un totale di 169 ‘target’ o traguardi.

leggi tutto>>

 

Copyright © 2016 Centro Studi Sereno Regis, All rights reserved.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp