Copy

Newsletter MiTE n.02 del 18 Giugno 2021


È online il nuovo numero della Newsletter mensile del Ministero della Transizione Ecologica, uno strumento di informazione pensato per rilanciare temi e iniziative promosse dal MiTE. Tanti gli argomenti che saranno trattati grazie al supporto delle dieci Direzioni generali. Alcune notizie recheranno i link a eventuali documenti integrali, resoconti e altri materiali utili all'approfondimento.

a cura della Redazione

C’è già chi l’ha definita la “COP dei giovani” ma in realtà è molto di più: la PreCop che si terrà a Milano, dal 28 settembre al 2 ottobre, per la prima volta spalancherà le porte delle Conferenze Onu alle idee elaborate dai giovani per salvaguardare il futuro del Pianeta.
Selezionati al termine di un lungo processo, 400 giovani provenienti da tutto il mondo si incontreranno a Milano; durante le prime due giornate di “Youth4Climate: Driving Ambition” saranno impegnati in gruppi di lavoro tematici, mentre nel terzo giorno avranno il difficile compito di confrontarsi con i Ministri partecipanti alla Conferenza preparatoria che si terrà nei due giorni successivi, sempre a Milano.
I risultati dell’incontro tra i giovani attivisti saranno raccolti in una Dichiarazione finale, che sarà illustrata ai Ministri della Conferenza preparatoria.
A rappresentare l’Italia saranno Federica Gasbarro, 26 anni di Roma, e Daniele Guadagnolo, 28 anni di Arona (Novara), ricevuti nei giorni scorsi anche dal Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani, che ha voluto conoscerli e si è intrattenuto con loro informandosi sui loro percorsi culturali e di impegno che li hanno condotti a candidarsi per la partecipazione a Y4C
.

 Approfondisci 

Inaugurato al MiTE il primo "Climate Clock" italiano

In occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, è stato inaugurato lo scorso 4 giugno dal Ministro Roberto Cingolani e dall’AD del GSE Roberto Moneta, nella sede del Ministero della Transizione Ecologica a Roma, il primo Climate Clock italiano, nato a New York nel 2020. Con l’obiettivo di sensibilizzare sui temi del cambiamento climatico, il display indica il tempo utile per contenere l’aumento della temperatura a 1,5°C.

Continua l’operazione “Reti Fantasma” della Guardia Costiera

Dopo i risultati conseguiti l'anno scorso, continua anche per tutto il 2021 l'operazione “Reti fantasma” che vede i nuclei subacquei della Guardia Costiera impegnati lungo l’intera fascia costiera nazionale in attività di recupero delle reti da pesca abbandonate lungo i fondali marini. I dati raccolti lo scorso anno hanno registrato risultati importanti: oltre 7 tonnellate di reti rimosse - pari a circa 240mila bottiglie di plastica nell’ambito dell’operazione. Si tratta di veri e propri rifiuti che, se lasciati in mare, continuano a “pescare” in maniera passiva e rappresentano per le specie ittiche che vi rimangono intrappolate dei veri e propri “muri della morte” e che, oltre a danneggiare l’habitat marino poiché realizzate in materiale plastico, sono un concreto pericolo per la sicurezza di sub e bagnanti.

Approfondisci


R.E.N.T.Ri: al via la sperimentazione

Al via la sperimentazione del nuovo sistema per la tracciabilità della circolazione dei rifiuti. L’iniziativa sorge dalla necessità di attuare le Direttive Comunitarie che indicano in un registro nazionale un tassello fondamentale per l’economia circolare. Al fine di procedere alla realizzazione del sistema ed alla definizione dei provvedimenti normativi di attuazione il Ministero della Transizione Ecologica ha deciso, segnando così una netta discontinuità rispetto ad esperienze passate, di avviare una sperimentazione preliminare, realizzando, con il supporto dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e di Unioncamere e del sistema camerale italiano, un prototipo semplificato, per verificare la funzionalità e la fruibilità di alcune delle funzioni del Registro elettronico nazionale ed in particolare l’interoperabilità con i sistemi gestionali attualmente in uso alle aziende. 

Approfondisci


DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA E IL CLIMA (DiEC)
Direzione generale per le infrastrutture e la sicurezza dei sistemi energetici e geominerari (ISSEG)


Pubblicato il Report del progetto “Subsidenza”

Studio Multidisciplinare per la valutazione delle deformazioni del suolo finalizzato allo sviluppo di un modello per il monitoraggio integrato 

La Direzione generale per le Infrastrutture e la Sicurezza dei Sistemi Energetici e Geominerari Direzione generale ISSEG (ex DGS UNMIG) ha pubblicato, nell’ambito della rete di ricerca CLYPEA Innovation Network fo Future Energy, il Report del progetto “Subsidenza”, relativo a uno studio multidisciplinare per la valutazione delle deformazioni del suolo finalizzato allo sviluppo di un modello per il monitoraggio integrato. Allo studio hanno partecipato, la Regione Emilia-Romagna, l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - INGV, l’Università degli Studi di Bologna “Alma Mater Studiorum” - DICAM, il Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR IREA, la società Ricerca Sistema Energetico - RSE S.p.A. e il Politecnico di Torino - Polo di Ricerca SEADOG.
Avviato nel 2018 e concluso nel 2020, al fine di comprendere quanto le attività estrattive possano contribuire nell’area dell’offshore emiliano-romagnolo al fenomeno della subsidenza, il progetto si è posto come obiettivo generale di contribuire allo sviluppo di un piano di monitoraggio integrato sempre più efficace e una gestione più oculata di tali attività.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA E IL CLIMA (DiEC)
Direzione generale per le infrastrutture e la sicurezza dei sistemi energetici e geominerari (ISSEG)


Mission Innovation

Lanciata la fase 2.0 

L'Italia è paese membro di Mission Innovation, iniziativa di cooperazione multilaterale globale nata a Parigi nel 2015 il cui scopo primario è quello di accelerare i processi di innovazione delle tecnologie clean, sia in ambito pubblico che privato, attraverso l’impegno dei Paesi aderenti [1] a raddoppiare la quota pubblica degli investimenti dedicati alle attività di ricerca, sviluppo e innovazione delle clean tech al fine di rendere l'energia pulita accessibile ai consumatori e di creare posti di lavoro verdi e opportunità commerciali.
Fin dall’inizio l’Italia ha istituito due task force: una composta dai Ministeri coinvolti (MAECI, MATTM - ora MiTE, MUR e MEF) competente soprattutto per la parte di governance del processo di raddoppio dei fondi pubblici e una con carattere più operativo, rappresentata dai principali Enti di ricerca pubblici dedicati (CNR, ENEA, IIT, OGS, RSE SpA).
[1] Paesi: Australia, Austria, Brasile, Canada, Cile, Cina, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Marocco, Messico, Norvegia, Paesi Bassi, Arabia Saudita, Corea del Sud, Svezia, EAU, Regno Unito, Unione Europea  e USA.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA E IL CLIMA (DiEC)
Direzione generale per il clima, l'energia e l'aria (CLEA)


Adattamento ai cambiamenti climatici

Al via un programma sperimentale da 80 milioni per le città con più di 60 mila abitanti

Ottanta milioni di euro per misure che aiutino le città ad affrontare le conseguenze del global warming: questo lo stanziamento iniziale e la finalità del primo Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano”.
Il decreto, pubblicato l’8 giugno in Gazzetta Ufficiale, punta a stimolare iniziative pilota che siano anche in grado di coinvolgere i cittadini con un duplice obiettivo: sensibilizzare le popolazioni sul tema dei cambiamenti climatici e rafforzare con misure concrete la resilienza dei territori.
L’iniziativa, destinata ai comuni con più di 60 mila abitanti, è stata realizzata in collaborazione con l’ANCI e con l’apporto scientifico dell’ISPRA e prevede la realizzazione di interventi “green e blue” e “grey”.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per il patrimonio naturalistico (PNA)


Parchi per il clima

Al via il nuovo programma per l'efficientamento energetico

Al via la terza edizione per il Programma Parchi per il Clima, l’azione in sostegno degli interventi destinati alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici da realizzare nei territori dei Parchi nazionali. 
Scopo del Programma è raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, di mitigazione e adattamento e di tutela e valorizzazione della biodiversità in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, con la Strategia europea sulla biodiversità 2030 e con le politiche di sviluppo sostenibile.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per il patrimonio naturalistico (PNA)


Biodiversità, una nuova fase per 

lo sviluppo del quadro globale post 2020

In modalità virtuale la terza sessione dell’Organo sussidiario per l’implementazione (Sbi-3) della Convenzione Onu sulla diversità biologica 

Il 17 maggio si è aperta in modalità virtuale la terza sessione dell’Organo sussidiario per l'implementazione (Sbi-3) della Convenzione Onu sulla diversità biologica (Cbd). Scopo dell'incontro rivedere e rafforzare i meccanismi attuativi, anche con azioni strategiche mirate, della Cbd e dei suoi protocolli in vista della quindicesima riunione della Conferenza delle Parti (Cop15), prevista per il prossimo autunno a Kunming, in Cina (11-24 ottobre). Lo Sbi-3 si baserà sul lavoro già avviato a livello informale, in modalità videoconferenza, nel mese di marzo, in cui i partecipanti hanno avuto l'opportunità di iniziare un primo scambio di vedute sulle questioni relative all'implementazione e in particolare sullo sviluppo di un quadro di governance globale della biodiversità post-2020.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per il patrimonio naturalistico (PNA)


Fino al 24 giugno la sessione plenaria della Piattaforma intergovernativa scienza-politica sulla biodiversità

Tra i temi dell’Ipbes 8, l’approvazione di due Rapporti e dei piani di lavoro intermedi

Con un anno di ritardo, dovuto all’emergenza pandemica, lo scorso 3 maggio si è aperta in modalità virtuale la 24° sessione dell'Organismo sussidiario di consulenza scientifica, tecnica e tecnologica (SBSTTA-24) della Convenzione ONU sulla diversità biologica (CBD). Scopo dell’incontro, che si protrarrà fino al 13 giugno, è far avanzare il processo scientifico-negoziale in vista della 15° riunione della Conferenza delle Parti (COP-15), rinviata nel 2020 ed attualmente prevista per il prossimo autunno a Kunming, in Cina (11-24 ottobre 2021).

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT) 
Direzione generale per il mare e le coste (MAC)

Per la prima volta l’uso dei droni nell’esercitazione RAMOGEPol

Lotta congiunta, italo-franco-monegasca, agli inquinamenti marini da prodotti petroliferi in caso di incidente

Si è svolta il 26 maggio in Corsica, nelle acque antistanti Bastia e Macinaggio, l’annuale esercitazione antinquinamento RAMOGEPol, finalizzata a testare l’efficacia della risposta in caso di sversamenti di idrocarburi in mare, come previsto dall’accordo internazionale RAMOGE tra Italia, Francia e Principato di Monaco. L’edizione RAMOGEPol 2021, organizzata dalla Prefettura marittima del Mediterraneo francese e dalla Prefettura dell’Alta Corsica, ha simulato l’incaglio di una petroliera e lo sversamento in mare di 3500 metri cubi di prodotto petrolifero pesante.

Foto: Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A., “Nave “Nos Taurus” del MiTe in azione.
Immagine ripresa dal drone - Esercitazione RAMOGEPol 2021, Bastia (Corsica)

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per il mare e le coste (MAC)


Mare, dal 5 all’8 luglio le riunioni della Convenzione di Barcellona sotto la presidenza italiana

Il 5 e il 6 lo Steering Committee della Strategia di medio termine, il 7 e l’8 il Bureau delle parti contraenti  

Dal 5 all’8 luglio si svolgeranno sotto la presidenza italiana le riunioni degli organi direttivi della Convenzione di Barcellona, nell’ambito del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e la tutela del Mediterraneo e delle sue regioni costiere (Unep/Map). Grazie all’organizzazione della Direzione generale del mare e delle coste del Ministero della Transizione Ecologica, tra il 5 e 6 luglio si riunirà online lo Steering Committee della Strategia di medio termine (Mid Term Strategy - Mts), con il compito di valutare i progressi compiuti nel processo di definizione della Strategia, quadro essenziale di riferimento per lo sviluppo di politiche regionali e nazionali nel periodo 2022-2027.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per la sicurezza del suolo e dell'acqua (SuA)


G20, workshop su riduzione degrado del territorio e miglioramento della conservazione degli habitat

Obiettivo: riduzione del 50% dei terreni degradati entro il 2040  

Si è svolto lo scorso 25 maggio, nell’ambito del G20 2021, il workshop sul tema “Iniziativa globale sulla riduzione del degrado del territorio e miglioramento della conservazione degli habitat terresti”, lanciata nel 2020 dai leader del G20 nel vertice di Riyadh con l’ambizione di raggiungere, attraverso azioni volontarie, una riduzione del 50% dei terreni degradati entro il 2040. 
Un obiettivo che si colloca nel contesto del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino degli ecosistemi, dei piani di recupero post Covid-19 e del Decennio di Azione per l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER IL PERSONALE, LA NATURA, IL TERRITORIO E IL MEDITERRANEO (DiPENT)
Direzione generale per la sicurezza del suolo e dell'acqua (SuA)


Le opportunità di finanziamento per i processi di Contratto di Fiume

Due giornate organizzate dall’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume del Ministero della Transizione Ecologica per discutere di strategie e approcci da seguire per individuare forme di finanziamento, pubbliche e private, a sostegno dei Programmi di Azione dei Contratti di Fiume

Sono numerose, molteplici e di varia natura le opportunità di finanziamento di cui possono usufruire i processi di Contratto di Fiume. È quanto è emerso dall’incontro tecnico “Il supporto finanziario ai processi e Programmi d’Azione dei Contratti di Fiume. Fabbisogni e opportunità” che si è svolto il 15 e 16 giugno.  Un’iniziativa organizzata dall’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume con l’obiettivo di favorire il confronto e la discussione sulle forme di finanziamento che possono rappresentare un valido sostegno per i processi di Contratto di Fiume (CdF), affrontando per la prima volta anche questioni inerenti la finanza strutturata e privata.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E GLI INVESTIMENTI VERDI (DiTEI)


Le politiche di Transizione Ecologica. Sfide ed opportunità per una gestione efficace ed efficiente delle risorse

I Progetti CReIAMO PA e Mettiamoci in RIGA

Strumenti ed azioni messi a disposizione dai Progetti CReIAMO PA e Mettiamoci in RIGA per raggiungere gli obiettivi di policy identificati dal percorso di "transizione verde" definito dalla Strategia ‘Green Deal europeo’: si svolge il prossimo 24 giugno l’intervento dei Progetti all’edizione 2021 di Forum PA, evento digitale che si terrà dal 21 al 25 giugno, dedicato a creare e rafforzare le connessioni tra tutti i soggetti che operano nelle amministrazioni centrali e locali, nelle aziende tecnologiche, nei territori attorno alle missioni, agli obiettivi e agli interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E GLI INVESTIMENTI VERDI (DiTEI)


Una nuova governance amministrativa

Il Progetto Mettiamoci In RIGA e le strategie per rafforzare le capacità decisionali di Regioni e Province Autonome 

Attività, strumenti e primi risultati realizzati dal Progetto Mettiamoci in RIGA per rafforzare la governance dei decisori pubblici con competenze ambientali: si è svolto l’8 giugno, su iniziativa del Ministero della Transizione Ecologica,l'evento di lancio del Progetto Mettiamoci in RIGA. Il Progetto, finanziato nell'ambito del Programma Operativo Nazionale Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020, vede il Ministero della Transizione Ecologica quale beneficiario e Sogesid S.p.A. in qualità di Soggetto Attuatore di interventi che hanno l’obiettivo di offrire alle amministrazioni pubbliche e ad altri soggetti con competenze ambientali percorsi di rafforzamento delle capacità amministrative e tecniche.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E GLI INVESTIMENTI VERDI (DiTEI)
Direzione generale per la crescita sostenibile e la qualità dello sviluppo (CreSS)


Il MiTE tra i protagonisti del prossimo ForumPA 2021

Il Ministero sarà presente, dal 21 al 25 giugno, con 5 rubriche

Transizione Ecologica, ripresa Sostenibile del Paese, Best practice per l’ambiente, Piano di azione nazionale in materia di appalti pubblici verdi. 
Sono questi i temi che il Ministero della Transizione Ecologica presenterà alla 31° edizione del Forum PA, che si terrà tra il 21 ed il 25 giugno. La Direzione generale CreSS del MiTE - insieme al DiTEI (Dipartimento per la Transizione Ecologica e gli Investimenti Verdi) ed alle Direzioni generali ECi, MAC e PNA - ha organizzato cinque rubriche tematiche su temi di grande attualità, alla luce di quanto accaduto nell’ultimo anno con l’emergenza pandemica e sanitaria ed il progressivo processo di ripresa del nostro Paese.
Il primo degli eventi in programma, organizzato dalla Direzione generale CreSS, sarà incentrato sulle “Azioni integrate per la transizione ecologica e la ripresa sostenibile del Paese”; la rubrica sarà trasmessa il 21 giugno sul sito del Forum PA dalle 17:00 alle 18:00.

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E GLI INVESTIMENTI VERDI (DiTEI)
Direzione generale per la crescita sostenibile e la qualità dello sviluppo (CreSS)


Il Forum per lo sviluppo sostenibile: gli attori non statali nel processo di revisione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS)

Si rafforza nel mese di giugno il percorso di coinvolgimento attivo del Forum per lo Sviluppo Sostenibile nel processo di revisione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Il 2020 ha visto l’avvio dei lavori del Forum per lo Sviluppo Sostenibile che, facilitato dal MiTE, costituisce l’ambito di coinvolgimento degli attori non statali nel processo di attuazione e revisione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile
A seguito della manifestazione di interesse lanciata nel marzo 2019, il Forum conta attualmente 187 organizzazioni(associazioni della società civile, ma anche imprese, università, ONG), che promuovono azioni e politiche a favore della sostenibilità. 

Continua>>>

DIPARTIMENTO PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E GLI INVESTIMENTI VERDI (DiTEI)
Direzione generale per il risanamento ambientale (RiA)


Bonifiche: tempi certi e procedure più snelle per il recupero e la riconversione dei suoli contaminati

Le novità introdotte dal D.L. Semplificazioni bis

Con il Decreto Semplificazioni bis (D.L. n. 77 del 2021) sono state introdotte importanti e puntuali modifiche al Codice dell’ambiente, volte ad accelerare le procedure di bonifica e la riconversione dei siti industriali da destinare, in particolare, alla realizzazione dei progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
Le novità apportate in materia di bonifica incidono in maniera strategica sulla normativa, per dare un ulteriore impulso ai procedimenti di recupero e riqualificazione dei siti contaminati. 
Così è stata modificata la disciplina della bonifica dei suoli agricoli, per superare un vuoto normativo che ha determinato uno stallo nel recupero dei suoli con destinazione urbanistica agricola. Si è intervenuto sui tempi di esecuzione delle bonifiche, prevedendo verifiche intermedie per la valutazione dell’efficacia delle tecnologie di bonifica, e sono state semplificate e razionalizzate le attività necessarie alla certificazione di avvenuta bonifica.
Continua>>>

Newsletter MiTE n.02_2021
PROSSIMO APPUNTAMENTO TRA 30 GIORNI

Capo Ufficio Stampa MiTE:
Stefania Divertito

Redazione:
Antonella Allegretti
Alice Avila

Marco Gisotti
Ciro Saccardi
Luca Signorelli

Segreteria di Redazione:
Rossella Pavia

Comitato Scientifico:
Laura D’Aprile (Capo Dipartimento DiTEI) 
Gilberto Dialuce (già Direttore generale Direzione ISSEG_DiEC)
Maria Carmela Giarratano (Capo Dipartimento DiPENT)
Maddalena Mattei Gentili (Direttore generale Direzione SuA_DiPENT)

Mariano Grillo (Direttore generale Direzione ISSEG_DiEC)
Renato Grimaldi (già Capo Dipartimento DiPENT)
Giusy Lombardi  (Direttore generale Direzione CLEA_DiEC)
Giuseppe Lo Presti  (Direttore generale Direzione RiA_DiTEI)
Antonio Maturani (Direttore generale Direzione PNA_DiPENT)
Oliviero Montanaro (Direttore generale Direzione CreSS_DiTEI)
Rosaria Fausta Romano (Direttore generale Direzione AECE_DiEC)
Carlo Zaghi (Direttore generale Direzione MAC_DiPENT)


Referenti Direzioni generali MiTE:
Salvatore Bianca
Ornella Cingolani
Mara Cossu
Alessandra Cuccaru
Vincenza De Iudicibus
Chiara Di Simone
Luciana Distaso
Anita Galletti
Giancarlo Lo Monaco
Susanna Lupi
Anna Maria Maggiore
Loredana Marconi
Anna Sottili
Elisabetta Todisco
Facebook
Twitter
Instagram
Website
Email
© 2021 - Ministero della Transizione Ecologica  - MiTE

Stai ricevendo questa mail perché sei iscritto (o qualcuno ti ha iscritto) alla newsletter del MiTE






This email was sent to <<Indirizzo Email>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Mite · Via Cristoforo Colombo, 44 · Roma, Lazio 00147 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp